Brutto tackle

Più le cose cambiano, più restano le stesse

Posted in Colpi di testa by ernestobattaglia on 11 agosto 2010

La nomina di Cesare Prandelli quale nuovo commissario tecnico degli “azzurri” all’indomani del catastrofico Mondiale sudafricano e della sconfitta contro la Slovacchia, è stata la prima operazione di un più vasto rinnovamento delle strutture della FIGC e del calcio italiano tutto voluto da Giancarlo Abete. E’ stato il primo di una serie di cambiamenti che hanno poi portato alle recenti nomine di Gianni Rivera a Presidente del Settore Giovanile e Scolastico della Federazione, dell’ex CT Arrigo Sacchi a Coordinatore tecnico delle Nazionali giovanili, dalla Under 21 alla Under 16 e di Roberto Baggio a Presidente del Settore tecnico della FIGC. Cambiamenti che, al di là delle considerazioni di natura tecnica e organizzativa, appaiono quale parte integrante di una vera e propria operazione-simpatia promossa dal presidente federale e volta a creare un clima di fiducia e di giusto entusiasmo attorno al calcio italiano ed alla Nazionale italiana uscita a pezzi dal Mondiale sudafricano. In ogni (more…)

Annunci

Kebab for breakfast

Posted in Colpi di testa by ernestobattaglia on 28 giugno 2010

Al di là di quali squadre arriveranno fino in fondo a questa competizione, è indubbio che la qualità complessiva dell’organizzazione tattica, e dunque delle capacità dei selezionatori impegnati al Mondiale, è nettamente superiore a quella vista quattro anni fa in Germania. Il Mondiale del 2006 è destinato a passare alla storia per il tanto discusso “colpo di testa” di Zinédine Zidane, unico autentico fuoriclasse visto in quella edizione della competizione iridata, nella finale di Berlino, triste epilogo della sua carriera e preludio alla sconfitta dei Blues contro la Nazionale italiana di Marcello Lippi. La qualità complessiva del gioco delle squadre partecipanti era stata relativamente bassa, né i vari selezionatori avevano brillato per intuizioni e intelligenza tattica. Unica eccezione era stata l’Argentina di José Pekerman, squadra che aveva mostrato una discreta organizzazione di gioco e tuttavia incapace di andare oltre i quarti di finale, dove fu eliminata ai calci di rigore dall (more…)